"Non solo gli hotspot WiFi gratuiti, che saranno posizionati in locali di interesse pubblico, ma un vero e proprio piano di digitalizzazione dei territori montani, per sfruttare al meglio (anche negli enti locali) le potenzialità del web. [...] Sono gli obiettivi del progetto “Bit Generation”, finanziato dal programma Interreg Italia-Austria (2007/2013), dove la Provincia di Belluno è l’ente capofila, con partner la Cooperativa sociale Itaca di Udine e il Regionsmanagement Osttirol di Lienz. Un’iniziativa che può vantare un importo complessivo di 382 mila euro, 150 mila dei quali destinati al territorio bellunese. Al centro del progetto, in particolare, le aree del Cadore, dell’Alto Agordino e del Comelico, «dove si sta studiando il posizionamento di 3-4 hotspot WiFi per l’accesso gratuito a Internet», precisano i responsabili del settore sviluppo economico della Provincia di Belluno, «che dovrebbero essere attivati in locali ad alta fruibilità pubblica, indicativamente biblioteche».
Emerge comunque come una triste realtà per i bellunesi. In provincia, infatti, la connessione Internet “viaggia” fino a 20 Mbps (dichiarati) solo in poche sacche come il capoluogo, Feltre (ma non ovunque) e Cortina, mentre la velocità media di connessione in provincia di Belluno si attesta tra i 4 e gli 8 Mbps. Tenendo conto, tuttavia, che in diverse aree del Cadore, nel Feltrino occidentale e in alcune zone dell’Alpago, dell’Agordino orientale e della Valzoldana la connessione Internet resta a tutt’oggi un miraggio."