Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Proposta di tracciato della linea ferroviaria Calalzo – Auronzo di Cadore – Cortina

  1. #1
    Junior Member L'avatar di Adele
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    14

    Question Proposta di tracciato della linea ferroviaria Calalzo – Auronzo di Cadore – Cortina

    ( Tratto dal Corriere delle Alpi )

    Che ne pansate???

    - - - - - - - -

    Ridurre i tempi di viaggio tra Venezia e Calalzo di venti minuti. Grazie alla “Variante di Ponte nelle Alpi” che bypassa la stazione di Polpet. Non è un’idea astratta. Esiste un progetto elaborato dall’università di Padova che è stato presentato la scorsa settimana (giugno 2015 ndr) a Pieve di Cadore dal professor Carlo Pellegrino, curatore del progetto insieme ai suoi collaboratori Giovanni Giacomello, Michele Stellin e Daniele Tamiazzo. «Il progetto della variante parte dalla constatazione che oggi la linea ferroviaria in arrivo alla stazione di Ponte nelle Alpi fa un giro vizioso solo per entrare ed uscire dalla stazione. Con la rettifica del tracciato, che prevede di bypassare la stazione di Polpet salendo in linea retta verso il Cadore e spostando la fermata all’altezza della stazione di servizio dell’autostrada A27, in località di Pian di Vedoia, si ridurrebbe di oltre 20 minuti il tempo di percorrenza. Logicamente, il progetto prevede l’adeguamento di tutti i servizi oggi collegati alla stazione di Ponte nelle Alpi».
    “Variante di Ponte nelle Alpi” potrebbe essere realizzata in tempi medio –lunghi, il progetto del prolungamento della linea da Calalzo ad Auronzo ed a Cortina, richiederà dei tempi più dilatati perché il costo della sua realizzazione è stato ipotizzato in 508 milioni di euro. Il tracciato, infatti, sarebbe completamente nuovo: da Calalzo la linea proseguirebbe per Domegge, Lozzo, Cimagogna, Auronzo, Santa Caterina, centro paese, Taiarezze, Reane e Somadida. Da questa stazione partirebbe un tunnel lungo cinque chilometri che, attraverso la montagna, collegherebbe la zona di San Marco con Chiapuzza nel Comune di San Vito. Da questa località il treno proseguirebbe verso Cortina.

  2. #2
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Mah ........
    Investimenti enormi, impatti ambientali non indifferenti per ritorni economici quasi impossibili.
    A mio modesto parere i 'trenini di montagna' vanno fatti nelle valli con conformazioni adatte e che possano attrarre per la panoramicità.
    Qui siamo agli antipodi.

  3. #3
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Io la smetterei di parlare di nuovi progetti e mi concentrerei su migliorare quelli già esistenti. Abbiamo una tratta Venezia-Calalzo che è vergognosa sotto ogni punti di vista: che si diano una mossa a mettere a posto quella, invece che vaneggiare su nuove tratte!

  4. #4

    Predefinito

    La bretella di Ponte nelle Alpi, per collegare la linea di Calalzo con quella per V.Veneto è una opera inutile , che potrebbe avere una utilità solo nel caso di un reale completamento del collegamento con l'Austria e l'introduzione di servizi diretti e veloci. In parole povere inizierà a servire dal 2040 in poi ad essere ottimisti.

    Sullo "sfondamento a nord" prima di ogni altra cosa andrebbero trovati i soldi - almeno mezzo miliardo di euro , necessari , e comprendere che quando verrà fatto non potrà comunque servire come collegamento locale per i paesi come faceva la Ferrovia delle Dolomiti ; una ferrovia moderna a scartamento ordinario potrà avere una fermata ad Auronzo, una Cortina e ... basta , anche perché il percorso sarà per oltre il 70% in galleria

  5. #5
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da GiorgioXT Visualizza Messaggio
    La bretella di Ponte nelle Alpi, per collegare la linea di Calalzo con quella per V.Veneto è una opera inutile , che potrebbe avere una utilità solo nel caso di un reale completamento del collegamento con l'Austria e l'introduzione di servizi diretti e veloci. In parole povere inizierà a servire dal 2040 in poi ad essere ottimisti.

    Sullo "sfondamento a nord" prima di ogni altra cosa andrebbero trovati i soldi - almeno mezzo miliardo di euro , necessari , e comprendere che quando verrà fatto non potrà comunque servire come collegamento locale per i paesi come faceva la Ferrovia delle Dolomiti ; una ferrovia moderna a scartamento ordinario potrà avere una fermata ad Auronzo, una Cortina e ... basta , anche perché il percorso sarà per oltre il 70% in galleria
    Tranquilli. La Regione ha già ordinato i treni. Mancano solo i binari.
    http://corrierealpi.gelocal.it/bellu...ori-1.15360271
    Ultima modifica di egon; 19-05-2017 alle 05:38 PM

  6. #6
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Predefinito No, no e poi ancora no. Perché? Perché no!

    Non resta altro da fare che mobilitarci tutti, non come abitanti di un comune o di un altro, ma come cittadini di questa regione, di questa Italia devastata dal cemento fin dagli anni '50 e non ancora in grado di proporre un diverso modello di sviluppo.
    Come abitanti di questo pianeta che include tutte, tutti e tutto.
    Unendo ogni lotta, piccola o grande, in un'unica mobilitazione: NO TAV, NO TRIV, NO TOEM, NO TAP, NO MOUS, NO MOSE, Notre Dame des Landes in Bretagna, Standing Rock negli USA e tanti altri, passando per NO TRENO DOLOMITI, NO CICLABILE SU ASFALTO, NO PROLUNGAMENTO AUTOSTRADA A 27, NO TANGENZIALE DI SAN VITO e NO MOUSE ma screen touche (dal manifesto dei NO TOEM, con qualche adattamento al Cadore).
    Ultima modifica di egon; 26-07-2017 alle 11:46 PM

  7. #7
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Purtroppo tra tutte quelle citate il NO TANGENZIALE DI SAN VITO è l'unico movimento che non esiste, tranne me

  8. #8
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Predefinito

    Non é esatto. Su facebook, c'é. E anche il sito "SI Tangenziale di San Vito" (sempre su facebook), sembra essere frequentato prevalentemente dai contrari al progetto. Comunque, se vuoi vedere come si fà, ecco qua. La nuova superstrada Malpensa- Abbiategrasso - Vigevano non ha fatto in tempo ad essere approvata, che subito é insorto l'agguerrito comitato NO Tangenziale. Eh eh eh, il gallo cedrone non c'é mica solo in Cadore...
    https://www.ticinonotizie.it/superst...mobilitazione/
    Ultima modifica di egon; 28-07-2017 alle 11:37 PM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy