Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15

Discussione: cadore unito?

  1. #1

    Predefinito cadore unito?

    sono lieto che il cadore abbia una nuova voce.
    potrebbe essere la volta buona che i cadorini si risveglino e facciano sentire la loro voce, voce che deve esprimere non solo la volontà di delegare ad altri la gestione della cosa pubblica, ma si impegnino in prima persona ad assumere nei confronti dei propri rappresentanti a tutti i livelli, quella criticità e voglia di fare che manca nella nostra gente.
    vedremo se esiste nella nostra gente questa volontà partecipativa o se continueremo ad essere schiavi del nostro atavico canpanilismo.
    saluti mario

  2. #2
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Ciao Mario, benvenuto.
    Condivido le tue speranze. Questo spazio è nato proprio per cercare di dare una svolta alla nostra valle. Ci vorrà tempo e pazienza, ma io sono ottimista, e già il fatto che inizino a comparire messaggi come i tuoi, è un buon segno. A presto


  3. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    7

    Predefinito

    Sposo in pieno la tesi di Mario.
    Invito tutti a leggere la Nostra storia. Nel 1500 (e anche molto prima) scrivevamo codici che ci hanno copiato tutti e eravamo considerati "FEDELISSIMI" dalla Repubblica di Venezia e dal suo Doge.
    Spero tanto che nascano delle discussioni sulla Nostra storia, perchè credo fermamente che le basi per una riscoperta del Cadore partano proprio da una presa di coscienza di quello che è stato il Nostro passato. Io cercherò di fare la mia parte.

    Edy
    Ultima modifica di ZMP; 22-10-2009 alle 06:39 PM

  4. #4
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    1

    Predefinito

    Nessuno mette in dubbio che la nostra storia sia stata molto importante,ma penso che uno dei problemi piu' grandi sia che continuiamo a ricordare quanta gente,quanto lavoro e quanto bello era il cadore anni addietro...
    Andiamo avati ragazzi!!e cerchiamo di proporre qualcosa per promuovere in Italia il nostro mondo!
    Dade

  5. #5
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    7

    Predefinito

    E' ovvio che dobbiamo pensare al futuro! Ma non c'è fururo se non si sa neppure su quali fondamenta si costruisce! Il sig. Mario invita a buttare a mare il campanilismo e le sciocche dispute fra paesi, per guardare insieme ad nuove iniziative. Nel passato quando c'era da affrontare una difficoltà si instauravano istantaneamente dei meccanismi di aiuto e solidarietà che avevano dell' incredibile. Se avremo il modo di approfondire capirai cosa intendo.
    Saluti

  6. #6

    Predefinito

    sono lieto che le intenzioni da me espresse abbiano trovato corrispondenza.
    il cadore per la posizione, per le attrattive che offre, per l'ambiente ancora in parte incontaminato, deve unirsi per valutare con lungimiranza le possibilità che gli si offrono, senza cedere alle lusinghe che politici opportunistici, amministratori incollati da sempre alle loro sedie, speculatori di varia natura hanno da sempre sfruttato il cadore, dimenticando che è il popolo cadorino che dovrebbe essere il soggetto per uno sviluppo sostenibile della nostra zona.
    se i cadorini, non so se per una malformazione genetica o per la loro innata fiducia nella classe dirigente, purtroppo in parte da loro stessi generata, continueranno a delegare ad altri la gestione del territorio, un cambio di rotta sarà una vana illusione.
    confido che altri condividano le mie preoccupazioni e diano un segno di risveglio.
    mario vecellio

  7. #7
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Venas di Cadore
    Messaggi
    5

    Predefinito Storia come risorsa

    Sono d'accordo con chi vede nella conoscenza del nostro passato una risorsa per il futuro. Tra l'altro questa conoscenza (che metto fortremente in dubbio fra i più giovani) aiuta a valutare meglio il territorio e quindi alimenta idee nuove per meglio utilizzarlo.
    Il nuovo Cadore non può non essere fondato su questa conoscenza.

    Pensate solo a come le regioni vicine valorizzano le loro tradizioni.

    Saluti a tutti
    Ultima modifica di verozmp; 23-10-2009 alle 11:23 AM

  8. #8

    Smile Per non domenticare.

    Se andiamo a leggere gli spezzoni di storia locale che le amministrazioni cadorine, indipendentemente dalla loro tendenza politica ed ideologica inseriscono nei loro siti, tutte sembrano non ricordare che il Cadore ha una storia di vita sociale di quasi un millennio.
    Le regole cadorine già nel 13° secolo amministravano il proprio territorio in base a principi di partecipazione attiva alla vita comunitaria.
    I "laudi" disciplinavano prima in forma verbale, poi con atti notarili tutte le attività della comunita locale, dal taglio del legname, dalla costruzione di opere pubbliche, dal pascolo del bestiame e dalla sua monticazione, dai rapporti con i "foresti", dei diritti e doveri che ogni regoliere era tenuto a rispettare, pena una sanzione che nei casi più gravi arrivava alla sua esclusione dalla comunità.
    Naturalmente anche allora si manifestavano contrasti tra le innumerevoli regole per questione di confini, per pascoli rivendicati da piu soggetti.
    In sostanza il territorio cadorino, esclusa l'abitazione e l'orto dei singoli regolieri era proprietà allodiale dell'intera comunità e pertanto inalienabile, indivisibile ed inusucapibile.
    Con la venuta di Napoleone nel 1806 le regole furono disciolte ed i loro patrimoni dati in AMMINISTRAZIONE ai nuovi soggetti: i Comuni.
    Pertanto si capisce, che coloro che attualmente amministrano il territorio, si guardano bene dal risvegliare quel sentimento di rivendicazione, io spero ancora presente nonostante il silenzio assordante che giace come brace nella comunita cadorina.
    Se tutto ciò interessa fatevi sentire.
    mario.vecellio

  9. #9
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    calalzo lido
    Messaggi
    12

    Predefinito

    sicuramente le premesse sono interessanti.
    La mia domanda è: in che modo proponi di cambiare le cose?
    scure, ascia, mannaia

  10. #10
    Junior Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Venas di Cadore
    Messaggi
    5

    Predefinito Storia come risorsa

    Dal mio punto di vista questo deve essere un terreno di confronto.
    In questo momento è importante aumentarne la base, quindi personalmente informerò il maggior numero di persone dell'esistenza di questa opportunità in rete,magari utilizzando il logo del forum come icona delle mie mail private.

    Svegliare le coscenze, ravvivare il senso di appartenenza è la prima necessità.
    Il nostro territorio è immensamente ricco di risorse naturali e storiche,ci siamo smarriti perchè le nostri valli sono stata aperte agli influssi di diverse culture, quindi il nostro futuro dovrà essere diverso da quello, per esempio, degli spensierati abitanti delle valli attorno al Sella dove si sentono solo ed tristemente ladini.
    Questa multiculturalità è comunque una risorsa.

    Per i Cadorini le controversie sono sempre state questioni quotidiane (leggete Cadore e Ampezzano di Franco Fini,edizioni Nordpress), pensate alle liti fra Auronzo e Cortina per Misurina (nate quando ancora Cortina era Cadore),fra San Vito e Cortina per i pascoli di Giau,fra San Vito e Selva per Mondeval,fra Borca e Vodo per i boschi di Cevoliè.

    Spero che in questo luogo di confronto se ne nasceranno,siano comunque sempre e solo costruttive,chi ha delle proposte le condivida e non chieda ad altri di farlo.

    Saluti a tutti.
    Ultima modifica di verozmp; 07-11-2009 alle 09:48 PM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy