Pagina 9 di 19 PrimaPrima ... 7891011 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 90 di 189

Discussione: Prolungamento autostrada A27

  1. #81
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Riporto solo una frase, particolarmente significativa...

    Se si volessero portare le popolazioni di Cina e India allo stesso livello di sviluppo delle nazioni occidentali, nei prossimi 20 anni, si dovrebbero costruire 3 nuovi reattori nucleari al giorno.
    fonte: Into Eternity (documentario di Michael Madsen)

    Secondo te Giovanni, tutto ciò è SOSTENIBILE ?

  2. #82
    Senior Member L'avatar di giovanni
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    vigo di cadore
    Messaggi
    416

    Predefinito

    sostenibilità partendo semplicemente da una considerazione semplicissima ...l'italia è ancora uno dei pochissimi paesi dell'europa e non solo..che non produce nulla...ma importa solamente energia
    punto due : siamo già circondati da centrali nucleari...in slovenia (pochi lo sanno) c'è una centrale nucleare uguale e con lo stesso concepimento di quella di cernobyl... ... perciò tutta questa paura ipocondriaca per il nucleare io proprio non la concepisco...
    tra l'altro chernobil e esplosa non perchè era stata costruita male ma per un errore voluto umano (bypassando tutte le sicurezze) .
    allora qualcuno può ancora dire le scorie certo sono un prioblema non tanto per lo smaltimento ma perchè nessuno le vuole e in italia siti ce ne sono gran pochi adatti ma per il resto francamente sono solo scuse o paure infondate..... le centrali di 4 generazione sono super sicure con nuclei piccolissimi (proprio apposta per non incappare in un'altra chernobyl) e con immissione di scorie molto ridotte rispetto a quelle degli anni 70.

    Sostenibilità non vuol dire ritornare al medio evo perché qualcuno hà paura del nucleare o di altri inquinamenti....tra l'altro..per la maggior parte infondati...

    se un paese non CRESCE non si sviluppa e questa è una equazione imprescindibile CRESCITA=SVILUPPO= LAVORO= BENESSERE SOCIALE GENERALE= l'italia il cadore hà estremo bisogno di sviluppo e scusatemi...senza offendere nessuno ma con le mucche , le ciaspole ,le malghe nessuno può sviluppare nulla anzi.....è come voler riempire una piscina con un secchio d'acqua .
    Per Cresere c'è bisogno anche di infrastrutture adeguate
    allora inutile sempre dire no a tutto ...perchè oramai di questo atteggiamento se ne hà le scatole piene ...ma tanto anche.
    Secondo mè (a parere mio) è da tempo ora di finirla di voler fare finta di fare ecologia ipocrita sulle spalle e a spese della gente ..delle famiglie Cadorine ..mancando opportunità di sviluppo e quant'altro...negando un futuro concreto di chi vuole vivere qui ....
    Che poi questa STRANA politica ecologista secondo mè è abbastanza miope o comunque ipocrita....siamo già circondati da inquinamento : elettromagnetico,aerei di linea...con scie quantomeno strane...,cellulari in tasca che bene di sicuro non fanno ..,alimenti da discount provenienti da chissà dove e coltivati o prodotti con chisssà cosa (se fanno male o bene)
    siamo nel bene o nel male circondati da tutto ciò però guarda caso nessuno si sogna di "scioperare o protestare contro una compagnia di aerei piuttosto che una marca di cellulari...o di alimenti...
    ma contro un buco in una montagna ( vedi no tav) si ...?o una autostrada che se fatta forse la vedresti dall'alto per il 30 % del suo intero sviluppo..?
    allora li tutti a protestare...per cosa? per una mancata opportunità concreta? però sotto casa tua muore un cittadino di tumore e non sai neppure la causa certa se non che sarà per quel che hà mangiato o hà usato? Però al mattino volgio vedere la mia valle intatta incontaminata e il lago centro cadore pieno d'acqua .. boschi perfetti senza 1 ramo spezzato...bellissimo !.. Poi ti giri di spalle (ipoteticamente parlando ) e cosa vedi? turismo zero...perchè l'autostrada porterebbe via tutti i turisti.. da altre parti...peccato che qui a parte cortina s.vito e auronzo non se ne vedano...
    il boschi terra di nessuno...famiglie intere senza lavoro, centinaia di persone in cassa integrazione,(vedi anche nuove disposizioni della zona ind.. di Longarone) decine di zone in cadore artigianali con capannoni vuoti o sfitti..
    alberghi fatiscenti o chiusi...ecc ecc
    poi sulle ultime eolico no pure quello perchè fà rumore ed è impattante dal punto di vista vivisvo ,panelli solari sui prati neppure! perchè storpiano il paesaggio....centraline..manco a parlarne perchè tolgono l'acqua ai pesci..poi ancora autostrada o altre opportunità di sviluppo nein! nein! non se ne parla...
    insomma niente di niente !|tutti fermi immobili...progredire? manco a sognarselo bisogna rimanere (CONGELATI) come nel dopoguerra ...fermi immobili senza fare o costruire nulla..sembrava una battuta quella fatta da mè su altri post...invece...bisogna ritornare a vivere come gli AMISCH...


    quando si dice il paradosso....no?
    Ultima modifica di giovanni; 21-05-2012 alle 05:38 AM
    giò73

  3. #83

    Predefinito

    Sostenibile o no....dobbiamo guardarci in faccia e dire per quanto ancora quei coraggiosi che si avventurano in montagna la domenica, continueranno a pensare che vale la pena metterci due ore per arrivare a Longarone...

  4. #84
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da babypeach81 Visualizza Messaggio
    sostenibile o no....dobbiamo guardarci in faccia e dire per quanto ancora quei coraggiosi che si avventurano in montagna la domenica, continueranno a pensare che vale la pena metterci due ore per arrivare a longarone...
    e.s.a.t.t.o..........

  5. #85
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Sostenibile o no...
    Non è una questione secondaria. E' alla base di tutto, la sostenibilità ambientale! Prima viene la Natura, poi, eventualmente, Noi.

  6. #86
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    Non è una questione secondaria. E' alla base di tutto, la sostenibilità ambientale! Prima viene la Natura, poi, eventualmente, Noi.
    Questione di punti di vista, non sulla natura, ma a riguardo del progetto che non è poi cosi devastante come continuate a voler fare credere.

  7. #87
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Nuovo progetto per l’A27 ma Perarolo dice di no
    Anche Peraltrestrade è contrario e chiede ai sindaci del Bellunese di pronunciarsi Il primo cittadino Svaluto: «La Regione vuole andare avanti a tutti i costi»


    BELLUNO. C’è un nuovo progetto per il prolungamento dell’A27, ancora più penalizzante per l’ambiente e per i paesi. Ne è convinta l’associazione Peraltrestrade che ha lanciato l’allarme. Ne è convinto ancora di più il sindaco di Perarolo, Pierluigi Svaluto Ferro.
    Il progetto è stato presentato dai tecnici della Regione e dall’assessore Chisso in due distinti incontri nell’ultimo mese, uno con tutti i sindaci interessati da Ponte a Perarolo, e uno in cui i professionisti hanno parlato in modo specifico con ogni amministratore.
    «Nonostante le indicazioni della Commissione Via regionale» spiega Svaluto Ferro «i tecnici continuano ad andare avanti per la loro strada, che comunque mi sembra abbastanza incerta. Sta di fatto che ci hanno presentato delle modifiche al progetto iniziale, che sono sicuramente peggiorative per noi».
    Le novità principali, come spiega anche il movimento Peraltrestrade, consistono nello spostamento più a nord dello svincolo, nella zona industriale di Ansogne (vicino al nuovo distributore); un abbassamento di quota del tracciato; una nuova galleria sotto il colle di Caralte.
    «Mi sono chiesto - spiega ancora il sindaco di Perarolo - quale sia lo scopo di queste modifiche. E mi sono anche dato la risposta: non vorrei che queste modifiche fossero in funzione di un proseguimento dell’autostrada oltre Perarolo e Caralte, verso il Cadore, visto che lo sbocco in Friuli ormai è stato cassato».
    Il comune di Perarolo è contrario allo svincolo di Caralte, soprattutto nella nuova versione. «Abbiamo chiesto che lo svincolo sia a Rivalgo, dove la valle è più larga e dove ci sarebbe lo spazio per fare gli svincoli, spazio che ad Ansogne non c’è. Su questa linea sta anche la Commissione Via della Regione che ha posto delle prescrizioni recependo le nostre perplessità. Fare lo svincolo a Rivalgo darebbe la possibilità in futuro di decidere per una prosecuzione verso Venas. L’obiezione che ci hanno fatto è che il ministero dell’Ambiente non vuole due attraversamenti del Piave (uno è a Longarone)».
    Peraltrestrade ieri ha lanciato l’allarme (l’ennesimo) per chiedere alle amministrazioni del Cadore e del Bellunese intero quale sia la loro opinione su quello che sta accadendo. «Chiediamo cosa pensano di questa nuova variante, e che significato può avere nel contesto generale dell’opera; più in generale vogliamo sapere cosa pensano dell’autostrada, se la ritengono utile per lo sviluppo del nostro territorio, il Cadore, o al contrario dannosa».
    Svaluto Ferro è ormai convinto che il prolungamento dell’autostrada non sia per niente utile, ma sposti il problema più a nord, sconvolgendo il territorio di Perarolo. Va anche ricordato il costo dell’opera, 1200 milioni di euro. Si chiede l’associazione Peraltrestrade: «In momenti di crisi finanziaria come quella di oggi, chi investirebbe tanto su una autostrada dai flussi di traffico bassissimi? Ci vengono dubbi, anche per i tempi di costruzione della durata più che decennale, sia per la gestione (chi coprirebbe la prevedibile passività visto il sicuro troppo scarso flusso di mezzi,) sia per il pedaggio che secondo la bozza di convenzione per il project financing, sarebbe tra i più alti d’Europa».
    I punti neri della viabilità lungo l’asse del Piave e del Boite non mancano: Longarone, Tai, Valle. Ma potrebbero bastare delle varianti che costano tra l’altro molto meno. (ma.co.)

    fonte: Corriere delle Alpi
    Ribadisco a gran voce la FOLLIA dell'opera. Non si farà, non entro i prossimi 50 anni.

  8. #88
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    Ribadisco a gran voce la FOLLIA dell'opera. Non si farà, non entro i prossimi 50 anni.
    Lo hai deciso tu??????........comunque perchè non fare un referendum??? democratico direi, no????

  9. #89
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bosk Visualizza Messaggio
    Lo hai deciso tu??????........comunque perchè non fare un referendum??? democratico direi, no????
    Non è una mia decisione, ma una mia opinione. Il tempo dirà chi aveva ragione. Riguardo il referendum è uno strumento che in Italia non ha più alcun valore. E' finta democrazia.

  10. #90
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    Non è una mia decisione, ma una mia opinione. Il tempo dirà chi aveva ragione. Riguardo il referendum è uno strumento che in Italia non ha più alcun valore. E' finta democrazia.
    Non è questione di ragione o torto, semplicemente opinioni diverse, quindi se decidono dall'alto non va bene, il referendum non va bene, come si dovrebbe fare?????

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy