Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Tumori nel Veneto.

  1. #11
    Member
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Pieve di Cadore
    Messaggi
    63

    Predefinito

    Sai di rilievi? Cioè li hai visti fare? Hai visto le misure? O te lo ha detto tuo cugino?

    E anche se fosse, sai cosa è un "campione significativo"? Sai che se vedi un paio di caprioli che perdono il pelo non significa che sia dovuto al primo motivo che ti salta in testa?

    Tranquillo, lascio perdere, se vuoi credere a queste cavolate libero di farlo, almeno non ammorbarci con "dovreste sapere", "il governo nasconde", "ce lo tengono nascosto"., perchè è un ottimo modo per mandare in vacca un discorso serio.

  2. #12
    Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    1

    Predefinito

    Io nel 2004 ho avuto un tumore parotideo,mia sorella nel 2009 ne ha avuto uno alla tiroide,nessun altro tumore in famiglia,o e' sfiga,o e' l'ambiente che ci ha circondato,presumo.....

  3. #13
    Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    s.stefano di cadore ; napoli
    Messaggi
    9

    Predefinito

    buonasera
    che chernobyl abbia incrementato di parecchio il numero di tumori in tutta italia è noto. bisogna vedere però quanti problemi ha portato nel vicino friuli venezia giulia, senza parlare di slovenia.uno dei danni evidenti è stata la tiroidite di hashimoto che ha colpito tutte le donne a partire da una certa età che sono vissute in quel triste periodo.
    penso che localmente, se parliamo di maggiori incrementi percentuali rispetto al resto d'italia, essi siano dovuti al tipo di terreno presente in molte parti del veneto .
    bisogna distinguere però la percentuale di diagnosi di malattia tumorale dei singoli soggetti dai decessi avvenuti conseguentemente.
    saluti

  4. #14
    Senior Member L'avatar di giovanni
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    vigo di cadore
    Messaggi
    416

    Predefinito

    meno male che scrivo cavolate ....
    se ti dico fonti attendibili e serie credici! non me l'hà detto mio cugino tranquillo ...parte della verità sulle radiazioni e i suoi danni sono state abbondantemente non nascoste....semplicemente non dette tutto quà...guarda il,basso feltrino che incidenza di tumori hà un caso? e guarda coincidenza strana proprio li c'era una delle più alte concentrazioni ....sarà senz'altro un caso sicura,mente
    mark anche il governo russo a quel tempo hà confermato che l'incidente aveva fatto soltanto 37 vittime confermate ...se facciamo questo tipo di discorsi ok per mè stà bene....lasciamo questo tipo di "lunghezza d'onda"
    Ultima modifica di giovanni; 13-12-2010 alle 09:52 PM
    giò73

  5. #15
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    21

    Predefinito

    Indubbiamente l'alcol ha la sua responsabilità nell'insorgenza dei tumori. Nonchè il fumo. Ma sono cose ormai talmente note che è da ritenere veri incoscienti coloro che insistono nei vizi del bere assiduamente e del fumare.
    Un'altra spiegazione data è l'età della maternità nel settentrione.

    Giovanni, se le tue fonti sono attendibili non capisco quale sia il problema nel citarle. Non credo ai complotti, specie su questo argomento se la fonte è attendibile dovrebbe essere nota e anche controllabile altrimenti mi dispiace, puoi anche dirmi di aver visto con i tuoi occhi caprioli a tre teste.
    Il discorso dei caprioli che perdono il pelo a causa di radiazioni mi lascia molto perplessa. Non perchè un capriolo sottoposto a radiazioni non possa perdere il pelo ma se lo perde lui, perchè non perdiamo i capelli noi? Perchè nel capriolo ci sono effetti così immediati e nell'uomo invece solo effetti a lungo termine come i tumori? Sono affermazioni che vanno un po' giustificate, non possono venir prese per buone così, sulla parola.
    Che quando è avvenuto l'incidente fosse da stare attenti è vero. Ma da qua a decretare certe cose ne passa.

    Uno studio interessante che si può in casi di importante incidenze di patologie è di genetica. I tumori non sono solo frutto di effetti ambientali ma hanno anche una componente genetica, anche di semplice predisposizione.
    Il tumore, ricordiamolo, è una cosa con cui ormai l'uomo deve tristemente fare i conti. Molto emblematica la frase "Ciascuno di noi ha in sè un tumore, ma morirà per altre cause prima che il tumore abbia il tempo di manifestarsi". Non si vuole creare il panico ma è giusto si sappia che il tumore è il frutto della degenerazione di una cellula che sfugge ai meccanismi di controllo e senescenza (in pratica non vuole andare in pensione e trasferisce questa decisione alle sue figlie). E' un processo "naturale". E lo metto tra virgolette perchè non è previsto per natura che accada, non è il corretto ordine delle cose, ma in natura accade. Non si tratta quindi solo di radiazioni o le tanto paventate scie chimiche. Chernobyl e le scie chimiche non sono solo problemi che riguardano solo il nostro territorio (se vogliamo considerare le scie chimiche come problema. Io preferisco ritenerle fantasia) quindi perchè dovrebbero essere correlabili a un aumento delle percentuali di tumore in cadore? Si conoscono molte altre cause per i tumori. I prodotti cancerogeni sono diffusissimi, dai nitrati che danno il colore rossiccio agli insaccati, alle componenti artificiali di certi mobili. Vogliamo parlare del radon, che entra direttamente nelle nostre case? Generalmente sono cose con cui entriamo in contatto a livelli talmente bassi da non preoccuparci. Ma i casi succedono sempre. In più il tumore è tipico dell'invecchiamento, in quanto cellule più vecchia sono più portate a impazzire. E aumentando l'aspettativa di vita dell'uomo, purtroppo aumenterà drasticamente anche l'incidenza di tumori. Anche se la prevenzione del rischio è sempre cosa assennata.
    Tornando alla questione della genetica, studi sulla popolazione possono rivelare genotipi di predisposizione, individui in cui mal funzionano i meccanismi di controllo. Ma per attuare e giustificare questi studi la popolazione deve avere determinate condizioni che non penso il Cadore abbia. Non si tratta di una popolazione chiusa ma aperta a immigrazione, quindi a contaminazioni genetiche. E per motivare uno studio del genere sarebbe da appurare quanti cadorini "puri" si ammalano in confronto a forestieri o frutto di unioni tra forestieri e cadorini.

    Continuo a credere che fumo e alcol siano i fattori maggiormente cancerogeni e su cui bisogna fare ampia campagna di sensibilizzazione.
    Ultima modifica di Iside; 06-01-2011 alle 03:56 PM

  6. #16
    Moderator L'avatar di deryls82
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Tai di Cadore
    Messaggi
    310

    Predefinito

    io sono del parere che ci stiamo ancora portando dietro le conseguenze di Chernobyl, in piu alcol, fumo, cibi ogm danno una gran mano a tutte le malattie che ne derivano.
    NuovoCadore Staff

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy