Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 50

Discussione: Provincia autonoma Belluno-Dolomiti

  1. #21
    Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lozzo di Cadore
    Messaggi
    50

    Predefinito

    Ciao Dino,

    si perchè l'inter referendario è questo, sappiamo che lo deve decidere la cassazione ma prima di questo doveva passare in provincia. Comunque per maggiori informazioni su l'intero inter referendario lo si può trovare a questo link http://bellunoautonoma.dolomitiregio...r-referendario

    favorevoli o contrati vale la pena leggere
    ciao

  2. #22

    Predefinito

    Ciao Davide,
    probabilmente tu sei molto più informato di me sull'argomento, dal link che hai postato si legge:
    "... per dare avvio alla pratica referendaria ... è assolutamente necessaria la delibera del Consiglio Provinciale interessato al distacco, nella quale sia chiarita l’espressa volontà di essere staccati dalla regione Veneto per essere aggregati alla regione Trentino Alto Adige."
    se non ho capito male per dare il via al referendum per l'aggregazione della Provincia di Belluno alla regione Trentino Alto-Adige è necessario che il Consiglio Provinciale deliberi in tal senso, ciò che fin ora non ha fatto, demandando tale delibera al parere positivo di un primo referendum con in quesito:
    "Volete voi che l’Amministrazione provinciale di Belluno promuova la procedura per il referendum previsto dall’art. 132, comma 2, della Costituzione affinché il territorio della Provincia di Belluno sia separato dalla Regione Veneto per entrare a far parte della regione autonoma Trentino Alto Adige?"
    ho capito bene?

    Io sinceramente non ritengo che la Provincia di Belluno debba chiedere d'essere aggregata alla Regione Trentino Alto-Adige ma che si debba chiedere d'essere riconosciuti come Provincia Autonoma di Belluno, con conseguente autonomia legislativa, finanziaria e decisionale, iter dovrebbe essere molto simile dato che in un punto delle fasi attuative, sempre preso dal link postato prima, si legge:
    "Il referendum è indetto nel territorio delle regioni della cui fusione si tratta, o nel territorio della regione dalla quale le province o i comuni intendono staccarsi per formare regione a sé stante."

    Saluti
    Dino

  3. #23
    Senior Member L'avatar di Aurora
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Nebbiù di Cadore
    Messaggi
    136

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dino Visualizza Messaggio
    se non ho capito male per dare il via al referendum per l'aggregazione della Provincia di Belluno alla regione Trentino Alto-Adige è necessario che il Consiglio Provinciale deliberi in tal senso, ciò che fin ora non ha fatto,
    sbagli!
    l'11 gennaio il Consiglio Provinciale ha approvato la richiesta avanzata dal comitato per l'autonomia. questo significa che la provincia ha avviato l'iter che porterà (si spera) la provincia di BL al referendum x l'autonomia.

    ora è tutto in mano alla Corte di Cassazione e, dopo una serie di verifiche burocratiche sulle firme raccolte, il tutto passerà al Governo.
    Ultima modifica di Aurora; 16-01-2011 alle 06:52 PM
    NuovoCadore Staff

  4. #24
    Senior Member L'avatar di Aurora
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Nebbiù di Cadore
    Messaggi
    136

    Predefinito

    da quello che so io, il Comitato che ha gestito la raccolta firme non ha avuto nessun contatto "ufficiale" con Trento e Bolzano. e finché questo non avverrà non si conoscerà il vero parere delle due province.
    NuovoCadore Staff

  5. #25

    Predefinito

    Aurora spero che sia corretto ciò che dici e che Moreno Broccon abbia esposto in modo errato ciò che si è votato.

    Bosk, purtroppo non ci sarà nulla da ridere ma solo da piangere...
    1. Se fallisse questo tentativo di aggregare Belluno alle provincie di Trento e Bolzano significherebbe che il territorio di Belluno non ha nulla da offrire a ma solo da pretendere.
    2. Il Governo del Paese non ci permetterà mai più di diventare Provincia autonoma avendo già sprecato la nostra chance.

  6. #26

    Predefinito

    Purtroppo anche dal sito di riferimento del comitato promotore si legge:
    Oggi 11 gennaio 2011, alle ore 17,30 il Consiglio provinciale di Belluno ha votato una delibera nella quale si chiede al Governo nazionale di indire un referendum con il seguente quesito: Volete voi che l’Amministrazione provinciale di Belluno promuova la procedura per il referendum previsto dall’art. 132, comma 2, della Costituzione affinché il territorio della Provincia di Belluno sia separato dalla Regione Veneto per entrare a far parte della regione autonoma Trentino Alto Adige?

    Ho paura che si stia solo cercando di salvare "capra" e "cavoli"...

  7. #27
    Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lozzo di Cadore
    Messaggi
    50

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dino Visualizza Messaggio
    1. Se fallisse questo tentativo di aggregare Belluno alle provincie di Trento e Bolzano significherebbe che il territorio di Belluno non ha nulla da offrire a ma solo da pretendere.
    2. Il Governo del Paese non ci permetterà mai più di diventare Provincia autonoma avendo già sprecato la nostra chance.
    concordo su tutto.

  8. #28
    Senior Member L'avatar di Aurora
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Nebbiù di Cadore
    Messaggi
    136

    Predefinito

    dal Corriere di sabato scorso:

    «Autonomia, l’Alto Adige ci porti rispetto»
    La Provincia risponde a Dürnwalder: «Ci sentiamo offesi». Le ragioni economiche della secessione

    BELLUNO - Che il governatore dell’Alto Adige Luis Durnwalder consideri il referendum per il distacco del Bellunese dal Veneto e la sua aggregazione al Trentino Alto Adige una buffonata, una strada che non porta da nessuna parte, non è una grande novità. Lo ripete da mesi, apertis verbis. Ma la stroncatura al voto del consiglio provinciale di palazzo Piloni, formale via libera all’iter per la consultazione, per alcuni sa di beffa.

    Un danno per i ladini. Il fatto è che secondo Durwalder il trucco c’è, tutto ai danni di ex coinquilini dell’impero austro-ungarico. «E’ un onore - ha ironizzato il governatore (Corriere del Veneto di giovedì) - che una provincia intera si metta in moto per unirsi a noi. Solo che non possiamo accettarlo. Perché è una mera provocazione, un’operazione destinata a mettere in difficoltà quei comuni ladini che, come Cortina d’Ampezzo, Livinallongo del Col di Lana e Colle Santa Lucia, hanno chiesto, per fondate ragioni storico- culturali, di passare dalla nostra parte». Tutto questo, le firme raccolte, la gente che si mobilita, la politica che si riunisce, al solo scopo di fare uno scherzo ai ladini.

    Insorgono i Bellunesi. Il presidente del consiglio provinciale Stefano Ghezze si indigna e non ci sta a sopportare le «offese» di Durwalder. «La nostra delibera - afferma - non è una "boutade": è la presa di coscienza di una volontà popolare a cui abbiamo voluto dare risposta. E l’eventuale diniego del Trentino Alto Adige all’annessione del territorio di Belluno ha una valenza relativa: solo un parere consultivo».

    Le ragioni economiche. E, in effetti, che le ragioni della mobilitazioni siano diverse, e che i ladini c’entrino poco, lo mette in luce uno studio della Cgia (Associazioni artigiani piccole imprese) di Mestre il cui presidente, Giuseppe Bortolussi, lancia un siluro oltre il confine: «Con l’Europa dei 27 la specialità di Trento e Bolzano non ha più senso». Perché, secondo Bortolussi, si creano pesanti differenze di trattamento economico; e questo spiegherebbe il movimento referendario «provinciale» bellunese e il sì del consiglio di Palazzo Piloni all’avvio dell’iter.

    Le risorse. Il tema è quello delle risorse a disposizione dei Comuni: l’analisi della Cgia rileva difformità abissali, destinate a rinfocolare le polemiche tra Bellunesi e «cugini ricchi». «Un sindaco altoatesino - afferma Bortolussi - ha ricevuto in media nel 2008 (ultimo dato disponibile) entrate totali per 2.454 euro; uno trentino per 2.572; uno bellunese, infine, per 1.337. Quindi un primo cittadino altoatesino dispone ogni anno del 78,2% di entrate in più di un collega nostrano; percentuale che aumenta in provincia di Trento: 86,8%. Quanto alle spese, la media procapite a Bolzano è di 2.488 euro; a Trento raggiunge i 2.627; a Belluno, invece, si ferma a 1.401. In termini percentuali, quindi, si tratta del 77,5% in più per i sindaci altoatesini su quelli nostrani, e dell’87,5% in più per i primi cittadini trentini. Differenziali che indurrebbero chiunque a chiedere il trasferimento in aree che presentano un trattamento economico più generoso ». Anche l’analisi delle singole voci riserva sorprese. La differenza più alta per lo «sviluppo economico»: 143 euro procapite per i comuni altoatesini (+ 730,1% sulla media del Bellunese), 107 per quelli della provincia di Trento (+ 519,8%)e solo 17 per quelli nostrani. Altra voce critica l’«istruzione pubblica»: 322 euro per Bolzano (+ 199,6), 239 per Trento (+ 122,7) e 108 per Belluno.
    spero anche io in maggiore chiarezza e soprattutto che non si tratti solo di un progetto utopico.
    Ultima modifica di Aurora; 16-01-2011 alle 07:16 PM
    NuovoCadore Staff

  9. #29

    Predefinito

    È per questo che sono fermamente convinto che la strada da percorrere non sia quella intrapresa ma di chiedere allo Stato Italiano d'essere riconosciuti come Regione a se stante, senza suddivisione in Province, come la Valle d'Aosta per l'appunto.
    Ho espresso il mio parere ai promotori del referendum, sulla loro pagina Facebook, ma senza grande considerazione

    Speriamo comunque nel meglio per la nostra provincia!
    Dino

  10. #30
    Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Lozzo di Cadore
    Messaggi
    50

    Predefinito

    é vero Dino anche io sono d'accordo con te ma secondo loro e secondo i loro studi è l'unica strada possibile. (non sono cosi informato a livello di leggi da poter confermare).
    D.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy