Pagina 31 di 94 PrimaPrima ... 2129303132334181 ... UltimaUltima
Risultati da 301 a 310 di 938

Discussione: Nuovo comprensorio Cadore-Civetta

  1. #301
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bosk Visualizza Messaggio
    Si si hai ragione, mi sono espresso male, era riferito al fatto che se si farà il comprensorio sarà un semplice palliativo alla fine inevitabile che faranno le "nostre" zone di montagna, cosa che non condivido, perchè se qualcuno vuole investire una cifra cosi alta penso che sia convinto di quello che fa e crede nel futuro della zona, anche perchè non c'è cosa peggiore nel non far nulla perchè si crede già che non ci sarà futuro per il cadore.
    Hai ragione anche tu. Ma vedi, per me, di quello che dice uno contrario a priori al progetto (e chi sta dalla parte di mountain wilderness certamente lo è), vale quello che riconosce contro la sua tesi (quello che dice contro il progetto, lo dò per scontato, anche se magari cerco di ragionarci su, come hai fatto tu). Quindi, se anche chi è contrario al progetto, alla fine riconosce che l'economia della valle vive sugli impianti, vuol dire che altra strada non c'è. Poi, per carità, saranno i cadorini a decidere del loro futuro. Ciao.

  2. #302
    Banned
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    73

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da egon Visualizza Messaggio
    ...neanche in val fiorentina ridono. Sentite cosa scrive uno che parteciperà alla (contro) manifestazione indetta da mountain wilderness. Poi ognuno ne tragga le conclusioni che crede.

    [/B]Purtroppo questa e' la soluzione peggiore...altro si potrebbe fare con gli impianti attuali e altro si potrebbe fare per incentivare un certo tipo di turismo che non necessariamente deve essere quello legato al mondo dello sci.Questo si che porterebbe qualche beneficio di lunga durata mentre questo collegamento non ha nessun grande valore sciistico e secondo me non portera' un gran numero di turisti in piu' di quelli che gia' vengono.

    _________________




    Come giustamente è stato fatto notare in questo intervento è stato ammesso che l'intera Val Fiorentina vive sugli impianti.

    Mi soffermerei però su quest'altro passaggio; l'idea degli impianti non va bene perchè si potrebbe fare altro. Benissimo... facciamo "altro". Ora però se qualcuno mi dicesse in termini pratici ed economici in cosa consiste questo "altro" gli pago da bere

  3. #303
    Banned
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    73

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da smara Visualizza Messaggio
    Lo so che non ci sapete stare senza di me!
    Allora vi vorrei sottoporre un articolo interessante che ho trovato sul sito indicatoci da Cristiano (quello frequentato dai gardenesi, per intenderci):
    http://www.pelmo-mondeval.it/2011/02...adore-civetta/




    L'intervento che citi riporta una serie di motivazioni prettamente naturalistiche ed ecologiche.
    Manca però un paragrafo fondamentale: visto che noi in montagna ci viviamo e non ci andiamo solo per fare le belle scampagnate estive o invernali cosa propone mountainwilderness in alternativa agli impianti per noi residenti che tra queste belle montagne dobbiamo comunque mangiare, vivere, pagare le bollette, allevare i figli e quant'altro ?

  4. #304
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mark Visualizza Messaggio
    direi che questa frase è emblematica: intellettualmente scorretta!
    come si può affermare che "crisi [...] basata innanzi a tutto sulla scarsità di risorse naturali del nostro pianeta, scopo prioritario della progettazione della qualità del vivere dell’essere umano deve essere quello della conservazione dei beni naturali " senza notare l'enorme errore logico?

    quindi non facciamo niente che tanto le nostre montagne ci daranno da mangiare da sole?

    ma per piacere, non merita nemmeno di essere letto quel post solo dalle premesse!
    Se ti piace chiamarlo "errore logico" fai pure. Allora diciamo che personalmente sono contenta che 30 anni fa le Regole di San Vito hanno fatto lo stesso "errore logico", così almeno io ho avuto la possibilità di vedere la bellezza di quei posti, piuttosto di una "Palafavera" sanvitese.

  5. #305
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sten Visualizza Messaggio
    L'intervento che citi riporta una serie di motivazioni prettamente naturalistiche ed ecologiche.
    Manca però un paragrafo fondamentale: visto che noi in montagna ci viviamo e non ci andiamo solo per fare le belle scampagnate estive o invernali cosa propone mountainwilderness in alternativa agli impianti per noi residenti che tra queste belle montagne dobbiamo comunque mangiare, vivere, pagare le bollette, allevare i figli e quant'altro ?
    Ho una domanda da porre, non è ironica, è seria: da quanto tempo a San Vito si vive questa grave crisi economica?

  6. #306

    Predefinito Alcune domande sparse ?

    - Perchè Arabba, uno dei posti più infelici panoramicamente delle Dolomiti, ha una stagione invernale da far invidia a Cortina ? i Suoi hotel continuano ad ammodernarsi e ad alzare i prezzi , al contrario della Valboite?

    - Perchè Vodo di Cadore ha problemi a trovare un gestore del ristrutturato Rifugio Talamini, in uno dei posti più incontaminati delle Dolomiti ?

    - Qual'è quel paese di alta montagna la cui comunità riesce a prosperare seguendo gli illuminanti consigli di Fausto de Stefani ?

    Perchè a Vinigo di Cadore , uno dei più splendidi paesini delle Dolomiti, hanno chiuso i bar? e non c'è mai stato un Residence ne un hotel, o almeno attualmente non vi sono più? In compenso però alle sue pendici hanno fatto un bel Cementificio (forse è questo quell'investimento in lavori ad alto profilo tecnologico e innovativodi cui parlava il De Stefani ?

  7. #307
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Buongiorno Rolando,
    dalle domande che poni mi sembra che tu abbia analizzato il progetto dal punto di vista economico. Questa cosa mi fa piacere perché ci sono tanti aspetti, proprio di natura economica, che mi*sfuggono. Tu hai dei dati a riguardo? Sapresti dirmi in che modo, per esempio, questi 8 impianti porteranno beneficio a Vinigo o aiuteranno gli amministratori di Vodo a trovare il gestore del rifugio Talamini? Te lo chiedo, perché da tutto quello che ho letto finora, a me sembra che questo progetto sia solo un investimento (non indifferente) in un ambito in declino (quello degli sport invernali). Solo per mantenere annualmente gli impianti ci vogliono 6 milioni di euro e se non arrivassero abbastanza turisti? Chi si farà carico dei costi? Vodo? Vinigo? San Vito? Ma come faranno? Solo*la situazione economica di San Vito sembra essere già così grave ....
    *
    P.S. non conosco De Stefani quindi non posso sapere a quale località montana si volesse riferire. Io comunque una località montana di quel tipo la conosco, si chiama Sauris, tu la conosci?

  8. #308
    Member
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Pieve di Cadore
    Messaggi
    63

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da smara Visualizza Messaggio
    Se ti piace chiamarlo "errore logico" fai pure. Allora diciamo che personalmente sono contenta che 30 anni fa le Regole di San Vito hanno fatto lo stesso "errore logico", così almeno io ho avuto la possibilità di vedere la bellezza di quei posti, piuttosto di una "Palafavera" sanvitese.
    L'errore logico sta nel parlare di crisi delle materie prime e di voler conservare intatto il patrimonio naturalistico.

    Gli errori si pagano, prima o poi: tu hai potuto vedere le bellezze dei posti e intanto l'economia di San Vito è andata a quel paese...

    Ottimo esempio di egoismo, direi...

  9. #309
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mark Visualizza Messaggio
    L'errore logico sta nel parlare di crisi delle materie prime e di voler conservare intatto il patrimonio naturalistico.

    Gli errori si pagano, prima o poi: tu hai potuto vedere le bellezze dei posti e intanto l'economia di San Vito è andata a quel paese...

    Ottimo esempio di egoismo, direi...
    Ma quali sono i dati in base ai quali si continua ad affermare che l'economia di San Vito è andata a rotoli? Tu li hai? Mi dici dove li posso trovare?
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

  10. #310

    Predefinito

    Buon giorno a tutti, dovevo scrivere ieri ma non ho avuto tempo...Ieri sul Gazzettino è uscito un articolo : "Nuove piste, ok delle Regole, ma deciderà l'assemblea". Io alla riunione di domenica c'ero e non mi pare che sia stato detto questo, le Regole sono favorevoli allo sviluppo turistico, ma il presidente ha spiegato che hanno le mani legate visto che c'è uno statuto e delle leggi regionali che dicono chiaramente che le Regole possono cedere modeste entità (50 ettari non lo sono, equivalgono a 50 campi da calcio) e in cambio devono avere dei terreni compensativi non frammentati che devono avere lo stesso valore. Il bosco, venendo trasformato in pista da sci assume un valore maggiore, perciò in cambio le Regole non vorranno un terreno compensativo della stessa grandezza, ma almeno 3 volte più grande, perchè , ripeto, deve avere lo stesso valore. Sui terreni di S. Vito non c'è la possibilità di trovarne uno adeguato. In più hanno spiegato che con il disboscamento di quell'area, per 5 anni non potrebbero più tagliare neanche un albero, questo sarebbe un grosso problema perchè perderebbero la rendita del legname. Domanda dal pubblico: perchè se ci sono queste leggi il Comune si è preso questa respnsabilità? Risposta dell'amministrazione comunale: siamo pronti ad affrontare le difficoltà e trovare delle soluzioni. Come non si sa. Poi qualcuno del pubblico ha fatto notare che sul propgetto ci sono piste molto difficili, non adatte ad un turismo per le famiglie, un campo scuola è posizionato in cima ad una pista segnata in blu, perciò difficile. Un altro ha chiesto: e le proprietà private? La risposta è stata che con un "si" delle Regole i terreni privati verranno utilizzati per il comprensorio, punto e basta. Non è stato detto così, ma quello era il succo del discorso. E' stato spiegato che si possono portare avanti proposte alternative, non solo le piste fanno turismo, lo si fa anche con l'ambiente. C'è chi ha espresso la paura di essere vincolati da gente da fuori, ma è stato rassicurato perchè la volontà è quella di non vendersi, ma di essere padroni a casa nostra...io non sono stato rassicurato per niente. Poi è stata sollevata la questione ambientale: l'acqua fra 30 anni sarà così preziosa che non si potrà usare per innevare le piste. poi si è parlato dell'inquinamento e del problema del traffico, s'è detto che si farà una tangenziale, che ci saranno delle navette che partiranno da Valle per decongestionare il traffico (???). Poi un signore ha chiesto :" quanti dei presenti sarebbero disposti a mettere a disposizione 100 mila euro? Siamo disposti a sacrificare il nostro territorio?" e poi :" l'affermazione sei contro il progetto sei contro lo sviluppo è inaccettabile". Altri hanno detto che entrambi gli schieramenti vogliono il bene del paese e che in futuro non ci si potrà rinfacciare il fatto si sia fatto o meno il comprensorio. (continua sotto)
    Ultima modifica di murphy; 01-03-2011 alle 02:52 PM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy