Pagina 43 di 94 PrimaPrima ... 3341424344455393 ... UltimaUltima
Risultati da 421 a 430 di 938

Discussione: Nuovo comprensorio Cadore-Civetta

  1. #421

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Da Rold Rolando Visualizza Messaggio
    Ci sono paesini nelle Dolomiti alla stessa altitudine o quasi, della stessa grandezza in numero d'abitanti, con panorami similari, con problematiche uguali, ladini tutti, però in alcuni vi sono dei caroselli sciistici e il turismo e l'economia sono floride, in altri non vi sono impianti o pochi e isolati e il turismo stenta come l'economia.
    In più, nei primi l'ambiente è più curato e i panorami (a detta di moltissimi turisti) sono di vera montagna (paese/prati-pascoli-piste/bosco/monti), mentre nei secondi l'ambiente è mal tenuto, manca la fascia dei prati/pascoli/piste e una boscaglia fitta arriva al fondovalle (paese/bosco/monti).
    (Inoltre - turismo + degrado urbano, economia debole + degrado generale)

    Non capisco come i paesini senza impianti o con pochi impianti non possano (a detta dei detrattori del collegamento in questione) copiare o avvicinarsi al sistema vincente dei paesi attigui. Dicono che è un sistema vecchio che non può funzionare ...?! Ma se di là funziona alla grande ? Mah !? Propongono invece dei modelli alternativi virtuosi, spesso molto lontani dall'area dolomitica (Francia), non paragonabili in quanto a dimensioni e ambiente e soprattutto senza mai fare dei nomi concreti, rimangono sul vago....mah ?!
    Tirano fuori il caso del Civetta che non è decollato, ma senza il carosello, Alleghe e company sarebbero a lavorare ad Agordo(quelli fortunati).

    E dire più semplicemente : il turismo ci infastidisce, noi che possiamo permettercelo, vorremo vivere tranquilli senza far la fila al supermercato, fate i bravi , provate ad andare a fare i pastori o a coltivar patate, ma anche quello fuori dalle scatole, non vicino casa.
    Quoto ogni singola lettera!

    Vi invito, per chi è a favore, a dare il vostro assenso al nuovo comprensorio sciistico Cadore - Civetta firmando QUI'

  2. #422
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Talking Cerco un centro di gravità permanente

    Sono un padano e confesso che non sapevo chi fosse Fausto De Stefani. Su wikipedia vedo che FDS ha dedicato la sua vita a scalare montagne, preferibilmente sopra gli ottomila. Bravo. Nel frattempo noi comuni mortali, giù in padania, ci arrabattavamo per sbarcare il lunario, come magari tanti altri che vivono da queste parti. Adesso che è sceso dalla montagna, sembra che FDS - conformemente alla migliore tradizione, da Mosè in poi - abbia portato con sè le tavole della legge dell'ambiente (1°: non avrai altro ambiente al di fuori di me; 2°: non nominare il nome dell'ambiente invano e così via). Se invece non si trova un punto di equilibrio tra la tutela dell'ambiente e le esigenze di vita di chi vive in montagna, le conseguenze saranno devastanti per tutti, perchè se i montanari saranno costretti ad abbandonare la montagna per sopravvivere, anche il territorio sarà abbandonato a sè stesso e allora addio alle camminate per i sentieri, bisognerà aprirsi la strada nella boscaglia a colpi di machete! E non venitemi a dire che il progetto del nuovo comprensorio deturpa il mondeval (lasciamo stare il pelmo, che è una balla colossale inventata da MW). Casomai lo rende fruibile a tanti che altrimenti non saprebbero neppure della sua esistenza. In fondo, l'ultimo uomo di cui si abbia traccia, che viveva da quelle parti, è morto sette o ottomila anni fa. Riprendiamoci il mondeval!

  3. #423

    Predefinito

    Quoto in pieno egon!

  4. #424
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    7

    Predefinito

    io penso che ci sia da vergognarsi a parlare male degli altri solo perchè la pensano diversamente. Parlate del progetto, piuttosto, e lasciate perdere Fausto De Stefani, che è un grande amante della montagna e un benefattore dei paesi poveri.

  5. #425
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Wild Visualizza Messaggio
    io penso che ci sia da vergognarsi a parlare male degli altri solo perchè la pensano diversamente. Parlate del progetto, piuttosto, e lasciate perdere Fausto De Stefani, che è un grande amante della montagna e un benefattore dei paesi poveri.
    Evidentemente devo avere toccato qualche nervo scoperto. Che c'entra con la discussione che FDS sia "un benefattore dei paesi poveri"? Comunque sono d'accordo che c'è da vergognarsi a offendere gratuitamente chi la pensa diversamente da te.

  6. #426
    Banned
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    73

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bosk Visualizza Messaggio
    NON so se sia vero ma ho sentito chiacchere da BAR che ad Alleghe stanno progettando di ampliare il loro comprensorio, qualcuno sa se è vero??? non ho trovato alcuna conferma e non riesco a contattare un mio amico che vive la per avere qualche conferma....RIBADISCO che ho sentito solo chiacchere, certo che se fosse vero, loro si ingrandiscono e noi......




    Noi ?
    noi continuamo a disquisire sul sesso degli angeli e andiamo con le ciaspe e con gli sci d'alpinismo per le alte ed incontaminate vette

  7. #427
    Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    246

    Predefinito

    Le persone come il Sig.Da Rold Rolando appartengono al passato,neanche al presente!
    Pensare che il turismo futuro si faccia ancora con gli impianti sciistici e con la
    cementificazione del territorio e ambiente( soprattutto nelle Dolomiti!) appartiene ad un
    modo di pensare e vedere che poteva andar bene(?) tren’anni fa.
    E’ come pensare che il futuro dell’edilizia sia ancora il mattone e non i nuovi materiali del
    prefrabbicato, pensare che il futuro dei trasporti sia l’automobile invece che i trasporti su
    rotaia e pubblici.
    Sig.Da Rold il mondo gira e cambia.
    Come si fa a pensare a nuovi impianti di risalita quando:
    il limite della neve ,per nuovi impianti, dovrebbe essere sopra i mt 1500
    l’acqua sarà sempre più un bene prezioso da non sprecare per “far” neve
    i costi di gestione della quasi totalità degli impianti sono in perdita
    i costi per “sciare” stanno diventando proibitivi
    il trend del sciare in pista è in calo
    lo sciatore vuole “caroselli” e non “comprensori”
    il turismo del futuro ,se saremmo bravi ad accaparrarcelo,sarà costituito da cinesi e indiani
    che non sono grandi sciatori.
    Il valore più grande che potremmo vendere sarà proprio l’integrità dell’ambiente.
    Dove gli impianti ci sono e funzionano è bene che continuino ad essere efficienti e
    modernizzati ,da Cortina alle vallate limitrofe,ma è ora di pensare al futuro in maniera
    diversa come mi sembra ottimamente esposto nell’intervento del presidente di MW.
    E a proposito delle parole offensive e diffamanti che il Sig.Da Rold ha rivolto al Sig.De Stefani
    si ha l’impressione che lo stesso e tutti i sostenitori di tale assurdo progetto sanno che la loro
    è una battaglia già persa fin dall’inizio e che cercano di contenere la loro impotenza
    attaccando la Smara di turno o una GRANDE persona come il Fausto
    P.S.
    Se a De Stefani rimangono ancora pochi neuroni perché il resto se li è bruciati sugli 8000,
    mi sembra che il Sig.Da Rold se li sia bruciati tutti a soli 1000 mt di quota!

  8. #428
    Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    246

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da egon Visualizza Messaggio
    Sono un padano e confesso che non sapevo chi fosse Fausto De Stefani. Su wikipedia vedo che FDS ha dedicato la sua vita a scalare montagne, preferibilmente sopra gli ottomila. Bravo. Nel frattempo noi comuni mortali, giù in padania, ci arrabattavamo per sbarcare il lunario, come magari tanti altri che vivono da queste parti. Adesso che è sceso dalla montagna, sembra che FDS - conformemente alla migliore tradizione, da Mosè in poi - abbia portato con sè le tavole della legge dell'ambiente (1°: non avrai altro ambiente al di fuori di me; 2°: non nominare il nome dell'ambiente invano e così via). Se invece non si trova un punto di equilibrio tra la tutela dell'ambiente e le esigenze di vita di chi vive in montagna, le conseguenze saranno devastanti per tutti, perchè se i montanari saranno costretti ad abbandonare la montagna per sopravvivere, anche il territorio sarà abbandonato a sè stesso e allora addio alle camminate per i sentieri, bisognerà aprirsi la strada nella boscaglia a colpi di machete! E non venitemi a dire che il progetto del nuovo comprensorio deturpa il mondeval (lasciamo stare il pelmo, che è una balla colossale inventata da MW). Casomai lo rende fruibile a tanti che altrimenti non saprebbero neppure della sua esistenza. In fondo, l'ultimo uomo di cui si abbia traccia, che viveva da quelle parti, è morto sette o ottomila anni fa. Riprendiamoci il mondeval!
    Se ti basta wikipedia per sapere chi è una persona.........no comment

  9. #429
    Banned
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    73

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SuperAnima Visualizza Messaggio
    Le persone come il Sig.Da Rold Rolando appartengono al passato,neanche al presente!
    Pensare che il turismo futuro si faccia ancora con gli impianti sciistici e con la
    cementificazione del territorio e ambiente( soprattutto nelle Dolomiti!) appartiene ad un
    modo di pensare e vedere che poteva andar bene(?) tren’anni fa.
    E’ come pensare che il futuro dell’edilizia sia ancora il mattone e non i nuovi materiali del
    prefrabbicato, pensare che il futuro dei trasporti sia l’automobile invece che i trasporti su
    rotaia e pubblici.
    Sig.Da Rold il mondo gira e cambia.
    Come si fa a pensare a nuovi impianti di risalita quando:
    il limite della neve ,per nuovi impianti, dovrebbe essere sopra i mt 1500
    l’acqua sarà sempre più un bene prezioso da non sprecare per “far” neve
    i costi di gestione della quasi totalità degli impianti sono in perdita
    i costi per “sciare” stanno diventando proibitivi
    il trend del sciare in pista è in calo
    lo sciatore vuole “caroselli” e non “comprensori”
    il turismo del futuro ,se saremmo bravi ad accaparrarcelo,sarà costituito da cinesi e indiani
    che non sono grandi sciatori.
    Il valore più grande che potremmo vendere sarà proprio l’integrità dell’ambiente.
    Dove gli impianti ci sono e funzionano è bene che continuino ad essere efficienti e
    modernizzati ,da Cortina alle vallate limitrofe,ma è ora di pensare al futuro in maniera
    diversa come mi sembra ottimamente esposto nell’intervento del presidente di MW.
    E a proposito delle parole offensive e diffamanti che il Sig.Da Rold ha rivolto al Sig.De Stefani
    si ha l’impressione che lo stesso e tutti i sostenitori di tale assurdo progetto sanno che la loro
    è una battaglia già persa fin dall’inizio e che cercano di contenere la loro impotenza
    attaccando la Smara di turno o una GRANDE persona come il Fausto
    P.S.
    Se a De Stefani rimangono ancora pochi neuroni perché il resto se li è bruciati sugli 8000,
    mi sembra che il Sig.Da Rold se li sia bruciati tutti a soli 1000 mt di quota!




    OTTIMAMENT ESPOSTO DAL PRESIDENTE DI WM ?????????? ma perpiacere .... quello che ha esposto è solo una lunga serie di luoghi comuni tanto quanto la pace universale.

    Vediamo un pò se oltre a scrivere le solite, ed ormai stantie amenità, hai qualche idea fattibile, reale e che possa essere concretizzata, possibilimente prima della fine del mondo, per risollevare l'economia della zona ?
    Per reale intendo con numeri e progetti alla mano:
    agricoltura ? nr di ettari che possono essere coltivati, tipologia di coltivazione, investimenti necessari e ricadute occupazionali.
    Lo stesso per allevamento, agriturismi, ciaspolate e sci alpinismo e quant'altro ti venga in mente.

    Continuo a chiederlo a tutti i sostenitori del no e nessuno, fino ad adesso, mi ha risposto.

  10. #430

    Predefinito

    Benvenuta superanima, concordo in pieno con quello che hai scritto. Probabilmente chi continua ad attaccare MW e De Stefani non ha letto bene la relazione della stessa MW posta all' attenzione delle amm. comunali di S.Vito e Selva ed all' amm. Regionale Veneto. Io mi chiedo perchè invece di fossilizzarsi su un progetto basato solo sullo sci alpino non si è potuto intraprendere uno studio su uno sviluppo turistico futuro ed a lungo termine? Mi fa ridere chi riesce ad essere tanto sensibile ed amorevole con il proprio cagnolino o il proprio dolce gattino e poi se gli parli di specie delicate come il gallo forcello, la pernice, l'aquila reale, il gufo reale, dice, ma sì, spaventiamoli e roviniamo il loro habitat,tanto loro mica mi fanno le feste quando torno a casa. Voi penserete che sono cavolate, provate a capire però che per qualcuno non è così, c'è chi vorrebbe conservare delle aree intatte con le quali in futuro fare turismo e che saranno, come lo sono ora del resto, un vanto.
    Ultima modifica di murphy; 09-03-2011 alle 12:13 AM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy