Pagina 77 di 94 PrimaPrima ... 2767757677787987 ... UltimaUltima
Risultati da 761 a 770 di 938

Discussione: Nuovo comprensorio Cadore-Civetta

  1. #761
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Comunque, Bosk, cose di questo tipo le fanno anche nelle città turistiche, solo che qui gli itinerari andrebbero adattati a percorsi naturalistici. Dici che non potrebbe attrarre qualche turista in più?
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

  2. #762
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Predefinito Satira amara (o a smara?)

    Certo che a Cortina e nel Comelico sono proprio fessi, perchè continuano a spendere soldi per realizzare nuove piste e nuovi impianti con lo scopo di attirare i turisti, e non hanno ancora capito che invece i turisti verranno da tutto il mondo a san vito, guidati dal gps, per "l'immersione psicofisica all'interno di un tale paesaggio culturale incontaminato". Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah a!
    Ultima modifica di egon; 28-05-2011 alle 11:42 AM

  3. #763
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da smara Visualizza Messaggio
    Comunque, Bosk, cose di questo tipo le fanno anche nelle città turistiche, solo che qui gli itinerari andrebbero adattati a percorsi naturalistici. Dici che non potrebbe attrarre qualche turista in più?
    Tipo con un comprensorio nuovo?????

  4. #764
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da egon Visualizza Messaggio
    Certo che a Cortina e nel Comelico sono proprio fessi, perchè continuano a spendere soldi per realizzare nuove piste e nuovi impianti con lo scopo di attirare i turisti, e non hanno ancora capito che invece i turisti verranno da tutto il mondo a san vito, guidati dal gps, per "l'immersione psicofisica all'interno di un tale paesaggio culturale incontaminato". Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah a!
    Non dico mica che con la tecnologia risolvi tutti i problemi del mondo, ci mancherebbe! Ho solo detto che potrebbe aiutare. Se vuoi qui trovi un esempio:

    http://www.datacollection.eu/content..._veglia_devero
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

  5. #765
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da smara Visualizza Messaggio
    Tu pensa soltanto se si utilizzasse la tecnologia del GPS per organizzare delle visite guidate (come quelle dei musei) per condurre aspiranti trekker su percorsi naturalistici. Penso che potrebbe essere uno strumento per avviare le persone a camminare in montagna, facendo loro cogliere molti aspetti sconosciuti dell'ambiente (dal punto di vista della flora, della fauna, della geologia, della storia, ecc.). Potrebbe essere un'attrattiva e, al contempo, un modo per insegnare a conoscere e rispettare la natura.
    Mi sembra che abbiano già fatto 4 o 5 anni fa un esperimento del genere. Erano percorsi guidati nell'area Mondeval.
    Ricordo che una sera andai nella sala attigua a quella comunale, presi tutti gli aggeggi e io giorno dopo ..... giù acqua Dunque non l'ho sperimentato.

    Penso sia un'idea carina per chi ha scelto di venire in Cadore, ma non un motivo per scegliere il Cadore.

  6. #766
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da smara Visualizza Messaggio
    Non dico mica che con la tecnologia risolvi tutti i problemi del mondo, ci mancherebbe! Ho solo detto che potrebbe aiutare.rl]
    Mah, più che il gps, per andare su in montagna ci vogliono gambe e polmoni (oltre alla voglia) e a giudicare da quanti salgono in taxi-jeep o con gli impianti, dubito che la sola tecnologia possa dare una spinta decisiva. Se anche messner pensa di sostituire le jeep-taxi con la telecabina per salire al monte rite, vuol dire che neanche i suoi fans amano molto faticare (e comunque bisognerebbe considerare anche le famiglie con bambini piccoli, anziani, ecc.). Nè si può pretendere che i turisti siano tutti emuli di san francesco, che, come si sa, aveva un cavallo un pò speciale.

  7. #767
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Da quel che si vede in giro mi sembrerebbe, semmai, che molte persone abbiano iniziato ad avvicinarsi all'idea di vacanza intesa anche come fatica, tant'è vero che anche in Italia oggi abbiamo chi si dedica allo sci-escursionismo piuttosto che al northwalking, all'arrampicata sportiva o alle ciaspe. Fino a qualche anno fa era difficile trovare persino l'attrezzatura. Oggi la vedi addirittura esposta in vetrina in quasi tutti i negozi di sport, persino in città!
    Poi, come dici tu, ci sono anche da tener presente coloro che amano la montagna comoda o che hanno bambini al seguito. Anche per loro bisognerebbe pensare a delle iniziative o a dei servizi. Per esempio, in quanti paesi del Cadore ci sono delle ludoteche, dei parchi del tipo adventure-park, delle palestre di roccia per bambini/ragazzi?
    Per quanto riguarda quello che diceva sanvito25 sui percorsi guidati che già si possono fare a Mondeval, mi chiedo in quanti sono a sapere questa cosa? E' stata pubblicizzata? Molte persone che conosco scelgono la propria destinazione di vacanza in base a quello che vedono su internet. Se esiste già un apparecchio che si può prendere in Comune a San Vito e che permette di fare questo giro, perché non dirlo ai quattro venti? Mi sembra una cosa bellissima. Se, per esempio, i signori che hanno realizzato il sito www.pelmo-mondeval inserissero dei filmati, facendo vedere di che zone si sta parlando e poi dicessero che il Comune mette a disposizione un aggeggio per accompagnare gli interessati alla visita di quei posti, secondo me, qualche piccolo risultato si potrebbe iniziare ad avere.
    Ultima modifica di smara; 28-05-2011 alle 04:52 PM
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

  8. #768
    Junior Member
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    2

    Predefinito

    salve a tutti, sono nuovo, ho letto qualcosa qui e li del nuovo , o forse vecchio comprensorio che si voleva creare a san vito. tralasciando la mia opinione, e considerando solo l aspetto economico, io vorrei sapere chi, ra i comuni cittadini di san vito e non, sarebbe disposto a dare, che ne so 10.000 euro, che sono esattamente 1/10000 del costo dell opera. Facile dirsi favorevoli, difficile è mettere dei soldi sapendo dall inizio che è come buttarli nel cesso ( licenza poetica). Chi investe vuole giustamente un rendimento che , in rarissimi casi è dato dal ritorno sui passaggi dello skipass ( guardatevi i bilanci, pubblici ,delle società impiantistiche). Si veda la situazione drammatica della Società funivie valzoldana, che a breve sarà assorbita da un gruppo altoatesino, o quella degli impianti di Sappada. Ovvio dunque è come chi investe esige un rendimento, dato in questo caso da che cosa? Da un attività che permetta veloci ritorni del capitale. Spero di essermi spiegato esaustivamente. Saluti

  9. #769
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Ciao Walhalla, non sapevo che gli impianti della valzoldana fossero in crisi. Molte persone in questo forum hanno sostenuto il contrario... ma tu sei sicuro?
    Ti dirò che ho molte perplessità sulla piega che sta prendendo la gestione degli impianti, soprattutto su come funziona*il Dolomiti Superski. La mia impressione è che si stia procedendo verso la globalizzazione del servizio. Peccato che questo modello sia già vecchio e superato, perchè alla lunga (ma neanche tanto lunga) tiene in vita solo pochi*vincitori, di solito i più spietati. Il meccanismo è terribile: il gestore dell'impianto vede aumentare i suoi introiti solo aumentando il numero delle persone trasportate, quindi il suo obiettivo deve essere quello di "catturare" gli sciatori che vanno dal suo vicino, perché il suo vicino di casa diventa il suo "nemico". Così il Dolomiti Superski (che gestisce tutta l'area dolomitica ed oltre) fa i soldi sempre e comunque, mentre i gestori si scannano tra di loro! Davvero un bel sistema!
    Quello che ci hai raccontato è un segnale di quello che temo: la globalizzazione del servizio.
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

  10. #770
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Beh, parlando di DS allora il meccanismo è ancora più perverso.
    Più l'impianto è tecnologico, costoso ed impattante, più vale il bip su quell'impianto nel riparto generale.
    A parità di dislivello e lunghezza dell'impianto un'ovovia becca più euro ogni passaggio dell'automatica quadriposto che becca più della triposto a morse fisse ....
    Ovvero: più spendo in impianti ipertecnologici, più me li ripago. E chi di soldi da invetire ne ha pochi ..... sta a guardare.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy