Il punto della situazione sulle varianti in Cadore

E’ passato un anno dal via libera della commissione per la Valutazione di impatto ambientale alla variante di Tai di Cadore, forse la più discussa tra le opere in programma dall’Anas inizialmente previste per i Mondiali di sci 2021 a Cortina. E nel frattempo anche i Mondiali di sci hanno preso il via, senza alcuna variante terminata. Tra queste, la maggior parte devono ancora vedere l’inizio dei lavori e l’apertura dei cantieri (compresa quella di Tai).

Rendering variante San Vito di Cadore

Rendering variante Tai di Cadore

Rendering variante Valle di Cadore

 

L’Anas inizialmente aveva annunciato che almeno le quattro grandi varianti di Tai, Valle, San Vito e Cortina sarebbero sicuramente state pronte in occasione del grande evento sportivo, dopodiché le scadenze erano slittate. 
Successivamente, durante un tavolo svoltosi a Pieve di Cadore nel 2019, per fare il punto della situazione sui lavori, i vertici Anas avevano promesso la fine dei lavori entro il 2023 annunciando però intanto “rotatorie e piccoli interventi per agevolare l’accesso a Cortina in vista dei Mondiali” che però nessuno ha visto

Da allora, si è tornati a parlare anche della Macchietto-Venas (immagine sotto) come della migliore soluzione possibile, un’opera di cui si parla da decenni e che risolverebbe i problemi di tutti i paesi del Centro Cadore interessati dai lavori sulla viabilità: opera che nel 2020 ha trovato pieno supporto e approvazione da parte dei sindaci di Perarolo, Cibiana e Valle di Cadore
A Valle, tra le altre cose, la variante proposta dall’Anas, prevede un ingresso-uscita della galleria in pieno centro abitato, a poche centinaia di metri da un asilo e dalle scuole…

La speranza è che le istituzioni (sia locali che nazionali), tengano conto delle esigenze del territorio a partire dalle persone che lo abitano e vivono quotidianamente.
Come espresso più volte dai vari comitati e da diversi sindaci del Cadore, si tratta di interventi estremamente importanti per tutta la vallata (collocata nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Unesco) e che proprio per questo vanno realizzati si al più presto ma allo stesso tempo con estrema cura e attenzione.  

Commenti

commenti

Author: admin

Condividi questi articoli su
468 ad
Privacy Policy Cookie Policy