Richiesta la balneabilità del Lago di Centro Cadore

La richiesta della balneabilità per il Lago di Centro Cadore arriva da una domanda congiunta del sindaco di Pieve, Maria Antonia Ciotti, il sindaco di Calalzo, Luca De Carlo e il sindaco di Domegge, Lino Paolo Fedon.

Inviata all’Apav-Servizio Osservatorio Acque Marine e Lagunari e alla Regione Veneto, la richiesta, se avrà riscontro positivo, si trasformerà in un’opportunità per il lago ed è un’operazione fondamentale per favorire l’insediamento di attività turistico-sportive sul bacino lacustre. L’inserimento del lago nella lisa delle acqua balneabili deve avvenire previo controllo dell’Arpav per il primo anno ed assieme alla richiesta sono stati allegati tutti i documenti necessari per valutare la situazione.

Le aeree di balneazione riguarderebbero le acque antistanti alle località del Bar Miralago a Pieve, il Bar Casetta e Bar Campeggio a Domegge e lo Chalet Lagole a Calalzo. E se ciò andasse a buon fine si avrebbe quindi la possibilità di poter fare il bagno senza incorrere in sanzioni infatti nel Nord Europa è prassi comune nuotare nei laghi e sarebbe un primo passo verso il turismo d’acqua dolce. Comunque, anche  con esito negativo, si potranno continuare a svolgere le attività di vela e canoa.

Aggiornamento del 10 febbraio 2014
Il comune di Pieve di Cadore ci informa che è arrivata lettera dalla Regione in cui si comunica che il Lago di Centro Cadore è stato inserito nella lista delle acque di balneazione, previo controllo dell’Arpav nel 2014 ed inserimento nel 2015.

Aggiornamento del 27 marzo 2014
Una svolta per il turismo: «Il lago è balneabile». Via libera della Regione per Miralago, Lagole e Casetta-Cologna.

Ulteriori aggiornamenti e approfondimenti nella discussione sul forum

Di seguito un bel video realizzato da Francesco Cervo per la promozione del Lago Centro Cadore…

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su