Museo della Latteria a Lozzo di Cadore

La Latteria Sociale di Lozzo di Cadore nasce come società il 6 ottobre 1884 per soddisfare l’esigenza che la popolazione manifestava di lavorare il latte prodotto dagli animali allevati in paese ed ottenerne quindi formaggio (formai) burro (butiro) e ricotta (puina). Prima del 1884 il latte infatti veniva portato nelle case dei pochi esperti che vivevano in paese e che disponevano dell’attrezzatura necessaria per la sua lavorazione. L’edificio che ospita il Museo è stato, tra il 1962 e il 1984, la sede della Latteria Sociale di Lozzo di Cadore.

La conservazione di una parte importante degli arredi originali del caseificio e la raccolta, da parte di un gruppo di appassionati, di oggetti e di fotografie legati alle attività casearie e di alpeggio hanno offerto lo spunto per tracciare il percorso di visita seguendo “la filiera del latte”: dalla mungitura in stalla fino alla cantina per la stagionatura del formaggio. La storia delle latterie cadorine e della latteria di Lozzo, l’esposizione degli attrezzi da lavoro, la grande fontana in cemento per la refrigerazione del latte e le caldaie in rame per la produzione del formaggio, supportati dai documenti visivi come fotografie e filmati che ne contestualizzano e illustrano l’utilizzo, descrivono le tecniche casearie. In una piccola sala il visitatore viene informato degli aspetti storici ed etnografici delle attività di alpeggio, delle quali si conserva ancora intatto sul territorio il ricco MUSEO_della_LATTERIA_Lozzo_tav02_high_largepatrimonio costituito da casere e stalle poste in alta montagna. In occasione del nuovo allestimento, nel 2010, sono state realizzate delle video-interviste a vecchi e giovani casari e allevatori e frammenti di queste testimonianze si possono vedere e ascoltare all’interno del Museo. Una stanza è dedicata alla monticazione con la descrizione degli itinerari tradizionali seguiti dal bestiame per salire e scendere da Pian Dei Buoi, le foto delle numerose casère che venivano utilizzate in quel periodo, le foto dei pastori e del mìstro che lassù produceva il formaggio. Si possono osservare anche gli indumenti usati nel passato: i pantaloni di fustagno, le camice di canapa tessute a Lozzo, la pèl con la quale il pastore si proteggeva dalle intemperie, i zòcui, zoccoli usati quotidianamente. Un itinerario didattico che permette di scoprire come veniva lavorato il latte sia in passato che ai nostri giorni.

Indirizzo: Via Padre Marino 404, 32010 Lozzo di Cadore
Contatti: 0435.76051 Ufficio Turistico Lozzo di Cadore
Informazioni: Sito Web e Depliant
Orari: Apertura estiva e per visite fuori stagione telefonare allo 0435.76051
Ingresso Gratuito
Servizi: visite guidate, laboratori didattici, archivio storico

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su